Dal 2020 Animal Equality ha pubblicato video e denunce sull’esportazione di animali vivi via mare dalla Spagna verso paesi extra-Ue. Le documentazioni mostrano veri e propri maltrattamenti degli operatori su migliaia di agnelli e bovini caricati sulle navi in partenza dai porti spagnoli di Tarragona e Cartagena. Uno dei casi che riportiamo, è stato registrato dalle navi di Elbeik e Karim Allah, che dopo aver lasciato il porto di Cartegna hanno navigato senza sosta per mesi. La navigazione si è poi conclusa con l’uccisione di tutti gli animali, decisione presa a causa del pessimo stato di salute in cui si trovavano i bovini dopo le condizioni a cui sono stati costretti a bordo delle navi.

Dopo tale accaduto, il movimento Animal Equality ed Enpa, non sono stati con le mani in mano, ma hanno presentato una denuncia congiunta alla Commissione Europea per avviare una procedura d’infrazione contro lo Stato spagnolo e altri Stati membri dell’Unione per violazione del regolamento sul benessere degli animali trasportati vivi e hanno lanciato una petizione per il rispetto delle normative delle normative europee sulla protezione degli animali.

La Commissione petizioni del Parlamento Ue ha deciso di mantenere aperta la petizione contro la Spagna, che può continuare a raccogliere il sostegno dei tanti cittadini europei contrari alla crudeltà del trasporto di animali vivi. Animal Equality ha anche chiesto alla Commissione europea di intervenire tempestivamente per perseguire le violazioni denunciate da tempo proprio dalle associazioni animaliste italiane ed europee. Purtroppo, non si è riscostrato ancora un vero impegno delle istituzioni per porre fine a questa crudele pratica. Ma la revisione del regolamento sui trasporti, di cui la Commissione europea dovrà occuparsi nell’autunno 2023, sarà un’occasione decisiva per agire in maniera concreta e per dare una svolta al trasporto degli animali, in modo sicuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *